Se non ci fosse il Sindacato - bottone

Gli Agenti di Commercio contro Soc. Autostrade

  • 0

Gli Agenti di Commercio contro Soc. Autostrade

Gli Agenti di Commercio contro Soc. Autostrade - IMG

Gli Agenti di Commercio contro Soc. Autostrade

E’ dal 14 Agosto 2018, data del crollo del ponte Morandi, che gli Agenti di Commercio soffrono le difficoltà di movimento che sono state causate dalla mancanza di questa fondamentale infrastruttura non solo per la Liguria ma per l’economia di tutto il Nord Ovest.

Da un nostro sondaggio tra le agenzie risulta che i proventi provvigionali, in questi due anni, si sono ridotti, mediamente del 32%. Che i tempi di percorrenza si sono allungati, in alcuni casi fino al 50%. Che il numero di  visite ai clienti, a causa delle perdite di tempo per le code in autostrada, si sono ridotte dal 35 a 40%. Che le spese di trasferte e soggiorni in albergo son aumentate di oltre il 40%. Infatti in molte occasioni, quando il traffico era nella norma, il rientro serale a casa, per chi opera in Liguria, avveniva quasi  sempre. Con l’intensificarsi del traffico causato dalle deviazioni imposte dai cantieri sempre più numerosi, chi deve incontrare clienti nell’estremo Ponente è costretto a soggiornare in loco affrontando costi non previsti. La causa di tutto ha avuto inizio con il crollo del ponte Morandi e con la conseguenza del proliferare di decine e decine di cantieri, nella maggior parte dei casi senza la presenza di operai, aperti solo per dimostrare che si sta facendo manutenzione.

Visti i gravissimi disagi e danni subiti da tutte le categorie che utilizzano le autostrade genovesi, è sorta la necessità di approfondire il funzionamento della concessione ad autostrade nel corso del tempo, per capire se nelle pieghe della stessa fossero rinvenibili elementi che chiarissero l’origine e la natura delle lacune manutentive.

Insieme ad altre importanti categorie produttive Usarci Liguria ha promosso un’azione nei confronti di ASPI (Autostrade per l’Italia)

L’Usarci Sparci Liguria scende in campo ed in prima linea per tutelare non solo i propri iscritti ma tutta la categoria degli Agenti di Commercio duramente danneggiati dalla situazione in cui versa la rete autostradale ligure.

Il progetto vede Usarci Sparci Liguria promotore insieme al  Comitato Zona Arancione Ponte Morandi e CNA Genova e Liguria raccogliendo la successiva adesione di AssiTerminal e Trasporto Unito, che sono andati a costituire una compagine rappresentativa di un segmento importante della società civile genovese e ligure.

Dallo studio svolto dai professionisti incaricati da Usarci Sparci e dalle altre associazioni, emergevano, infatti, palesi e gravi mancanze nelle manutenzioni non solo in seno alle indagini sul crollo del ponte Morandi, ma anche in relazione ai disservizi che tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 hanno di fatto isolato Genova dal punto di vista dei trasporti.

Le domande, se si vuole banali, che emergevano erano dunque le seguenti: perché nonostante la tariffa autostradale delle reti liguri sia tra le più care d’Italia non è mai stata fatta una adeguata manutenzione? qualcuno ci ha guadagnato? Come ha fatto? Come è stato possibile che ciò avvenisse nel sistema dei controlli pubblici cui una concessione è sottoposta?

Il quadro così delineato fa sorgere la necessità di approfondire la vicenda – ormai di dominio pubblico –  dinnanzi all’Autorità Giudiziaria che dovrà far luce sulla vicenda.

È stato quindi elaborato un Esposto che sintetizza gli esiti dello studio, rilevando i possibili illeciti penali la cui precisa individuazione è stata rimessa alla Procura della Repubblica di Genova.

La complessità della vicenda ha richiesto il convergere di diversi saperi giuridici.

Si è quindi costituito un team di legali di cui fanno parte direttamente per Usarci Sparci  l’Avv. Andrea Mortara che è il legale fiduciario della nostra associazione.

Come molti di Voi avranno notato, la questione ha avuto il dovuto rilievo mediatico mediante pubblicazioni apparse sia su quotidiani a carattere nazionale (Fatto Quotidiano del 29/ u.s.) che locale (Servizi sull’emittente Primocanale e articolo apparso sul Secolo XIX del 31/5 u.s.).

Ovviamente Vi terremo informati sugli sviluppi di questa importante iniziativa che ha come primario obbiettivo quello di far valere i diritti dei nostri associati e più in generale degli agenti di commercio liguri!